Pesca 2019: prima bella trota della stagione!

Pesca 2019: prima bella trota della stagione!

Mattina libera.
Sveglia alle 06.30.
Nessun programma.

Fa freddo e tira vento. Che faccio?

Bo.

La tentazione di restare nel letto è forte.
Poi però mi ricordo di tutta la gente che si fa i km per andare a cercare trote.
Dei sacrifici che devono fare mentre io ho la fortuna di avere le migliori acque a portata di mano.

Butto la canna e i waders in auto, esco, puttana che vento gelido!
Anche la temperatura non è caraibica, sono 2°.

Arrivo sul torrente, già due pescatori. E che cazzo!
È martedì mattina, incredibile come le prime due settimane di pesca siano una giungla! Ma poi dove sparisce tutta sta gente? 🤔

L’acqua fa abbastanza schifo, gelida a causa dello scioglimento della neve e un po’ sporca a causa di lavori a monte.

Condizioni pessime immagino, dopo 1 ora quello che immaginavo viene confermato.
Non ho visto neanche un pesce e mani che faticano a muoversi.
Il vento mi mette sempre KO.
Anche un’intera ora di pesca lenta devo dire che mi mette a terra.

Io e la pesca lenta siamo su due poli differenti, ma bisogna adattarsi.

È proprio sull’ennessima lunga e lenta jerkata che il minnow si blocca.. ferro! In piena corrente non si muove niente.
Provo a forzare, sento le testate, yess finalmente un bel pesce!
La porto con la testa fuori dall’acqua, vedo l’amo e prego i santi.
So che il momento più brutto deve ancora arrivare. L’inguadinamento…
Quanti pesci slamati in questa fase e non ho mai capito se per sfiga o perchè sono asino io.
Comunque questa volta va tutto bene, entra nel guadino come un bimbo entra nella culla.

Si slama da sola, una foto, una carezza e via che torna nel parco giochi di noi pescatori.

Quanto è bello lanciare, quanto è bello toccarle, quanto è bello rilasciarle… Alla prossima Anglers, #freeyourAlphainstinct 🎣

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *