Pescare con attrezzatura economica

Pescare con attrezzatura economica

Pescare con attrezzatura economica è possibile?

Certo che sì! 😉

Sono in vacanza, il tempo non è dei migliori e visto che la mia mente è sempre rivolta alla pesca, ho deciso di scrivere quest’articolo.

Da dove partire?

Da chi per la prima volta si approccia al mondo della pesca.
Tutte le persone che si avvicinano alla pesca a spinning hanno milioni di dubbi e milioni di domande e una di quelle ricorrenti è: posso iniziare spendendo una cifra irrisoria per l’attrezzatura?
Per chi inizia, spendere grosse cifre per uno sfizio che non sa se diventerà passione o quant’altro non è di certo una scelta intelligente, ecco che qua viene in soccorso l’attrezzatura da pesca economica! (se non l’avete ancora fatto datevi una letta anche qui) 😉

La mia esperienza:

Quando ho iniziato a pescare non avevo una tecnica preferita, ma seguendo mio nonno vedevo che cambiava spesso tecnica in base alla stagione o semplicemente al torrente. In Trentino ci sono torrenti più congeniali alla pesca a spinning e altri più redditizi con la pesca al tocco. Ecco che quindi la mia prima attrezzatura era composta da soli articoli economici, ma che coprivano le più svariate tecniche di pesca.
La mia prima “canna da spinning” fu una canna da trota laghetto di 3.50 mt. Una pazzia direte voi.. E invece con quella canna ho tirato fuori le mie prime trote a spinning nei torrenti. E quante trote..
Ci pescavo in torrenti di fondovalle, in fiumi, il laghi e in torrentelli montani. Di spinning non ci capivo quasi nulla, pescavo solo con il cucchiaino. Quando non mangiavano con quello montavo due – tre piombini, un’amo e il verme, tenendo la stessa canna, lo stesso mulinello e la stessa lenza.
Catturavo? Certo che sì!
Mi divertivo? Un mondo!
Quanto spendevo? Poco!
Facendo tanta gavetta con quell’attrezzatura ho capito i limiti e le esigenze per una determinata tecnica.
Ho acquistato la mia prima attrezzatura da spinning in kit: €45 canna, mulinello, monofilo e un cucchiaino.
Ho acquistato una teleregolabile per la pesca al tocco spendendo circa €80.
Dopo poco ho capito che la pesca al tocco non faceva per me così l’ho abbandonata totalmente e mi sono dedicato esclusivamente alla pesca a spinning in torrente, scoprendo altre esche artificiali oltre al classico cucchiaino rotante. Con quella canna da pesca ci ho pescato poi per molti anni e la possiedo ancora.

Adesso però, siamo arrivati al punto dove lo sfizio è diventato passione e siamo di fronte ad un bivio: acquistare più canne per coprire le nostre esigenze o adattarci con quella che abbiamo implementandole con calma?

La risposta è semplice: molto dipende da quanti soldi volete investire nella vostra passione.

Io ho scelto di adattarmi il più possibile e di cercare di pescare con un’attrezzatura economica ma di buona qualità. Per spendere soldi c’è sempre tempo. Per sbagliare e imparare sicuramente un’attrezzatura economica aiuta molto.

In conclusione:

Come vedete è possibile pescare e divertirsi senza spendere una fortuna.
Non sarà l’attrezzatura a farvi farvi catturare trote da sogno, ma solo la vostra abilità unita a quel pizzico di fortuna che non guasta mai 😉

Qui di seguito vi lascio il link di alcuni prodotti economici ma validi! 😉

Canne:

Mitchell Catch Spin: Lunga 180cm con un casting 4-15 gr si presta molto bene allo spinning alla trota, spinning al cavedano e spinning al persico reale in piccoli ambienti.

Shimano JoyXT 240 MH: lunga 240 cm con un casting 15-40 gr è ottima per i torrenti e fiumi di fondovalle alla ricerca di grosse trote e lucci.

Mulinelli:

Daiwa CrossFire: disponibile in varie taglie, il mio consiglio è di scegliere la taglia 2000 da abbinare alla Mitchell Catch Spin.

Shimano Catana 3000:  anche questo disponibile in varie misure e ne parlo in maniera approfondita in questo articolo. La taglia 3000 la trovo ottima in abbinata ad una canna come la Shimano JoyXT 240.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *