Mondiale di Pesca a Spinning 2017

Mondiale di Pesca a Spinning 2017

Il Trentino è pronto ad ospitare il Mondiale di Pesca a Spinning 2017 che si terrà dall’ 1 al 5 giugno nella splendida Val di Sole. Le acque scelte come campi gara saranno il torrente Noce e il torrente Vermigliana.

Un evento importantissimo che darà ancora più risalto a questa magnifica regione. Non stupisce che come location sia stata scelta una delle valli più belle dal punto di vista naturalistico e all’avanguardia dal punto di vista della promozione territoriale. La Val di Sole ormai risuona nelle bocche degli sportivi di tutta Europa grazie ai grandi eventi che ogni anno si svolgono in questa vallata. Su tutti, spiccano i mondiali di MTB e Downhill dello scorso anno. Da non dimenticare poi, che la Val di Sole è anche la casa estiva di una società calcistica importante di Serie A come l’SSC Napoli, che per circa 15 giorni prepara la stagione calcistica tra la natura incontaminata di questo angolo di Trentino.

Come detto in precedenza questo grande evento di pesca darà ancora più risalto al potenziale che questa regione offre e anche se le competizioni difficilmente si sposano con l’idea di natura e rispetto per l’ambiente, una competizione come il Mondiale di Pesca a Spinning può rimescolare tutte le carte e rivoluzionare l’idea di gara di pesca che si ha nel nostro piccolo territorio. Spesso infatti l’idea di gara di pesca viene vista come tutt’altra attività rispetto alla pesca di per sè. 

Perchè?

Prima di tutto perchè solitamente si pescano “trote pollo“, ovvero trote di allevamento che vengono immesse nel torrente o nel laghetto due giorni prima della competizione. In secondo luogo perchè siamo abituati a vedere competizioni locali, di basso livello, dove il pesce viene tutto trattenuto, le regole difficilmente rispettate e quindi si perde un po’ tutto quel fascino tipico della pesca sportiva.

Cosa cambia in una grande competizione?

In una competizione come il Mondiale di Pesca a Spinning le regole sono completamente differenti da quelle delle competizioni provinciali: la regola per eccellenza è infatti il Catch and Release. Chi non segue le gare ad alti livelli per forza di cose associa una gara di pesca ad una vera e propria mattanza. Fortunatamente a livello mondiale e anche nazionale le cose non sono così. Il regolamento è molto più rigido e tiene conto della salvaguardia e del rispetto del pesce. Ogni concorrente avrà un commissario individuale che lo accompagnerà in tutta la competizione. Le regole sono ben delineate e non si sgarra! Gli ami devono essere privi di ardiglioni, il pesce deve essere guadinato in acqua e rilasciato con cura, tagliando la lenza qualora la slamatura dovesse risultare difficoltosa.

Come vedete il rispetto del pescato viene prima di tutto. Il Campionato del Mondo di Pesca a Spinning, vista l’importanza e il peso dell’evento, ha l’obbligo di curare l’immagine di uno sport che appassiona sempre più persone. Sono sicuro che grazie a quest’evento in Trentino ci saranno dei giovamenti non indifferenti per tutto il movimento. 

Per ultimi, ma non sicuramente per importanza, è d’obbligo citare i portabandiera regionali che cercheranno di onorare e sfruttare al meglio il fattore “casa”: Arno Hermann e Andrea Ferro. Due istituzioni a livello nazionale e che ben hanno fatto anche nei precedenti campionati mondiali piazzandosi sul podio svariate volte. Quindi un grosso in bocca al lupo a loro e FORZA ITALIA! 😀

Per tutte le informazioni sul Mondiale di Pesca a Spinning 2017 vi lascio il link del sito ufficiale dell’evento.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *