Catch and Release | A volte ritornano..

Catch and Release | A volte ritornano..

A volte ritornano potrebbe sembrare il titolo di un film, ma in questo caso si tratta invece della magia del catch and release!

Finita la mattinata lavorativa mi sono messo a pensare in che torrentello avrei passato il pomeriggio. Si un torrentello, perchè ne avevo bisogno. Questa settimana ho fatto due uscite veloci nel torrente Noce Noneso ( Val di Non), un torrente stupendo, non c’è che dire, ma io amo i suoi piccoli affluenti. La scelta è ricaduta su un torrente vicino casa ma che non frequento spesso, anzi oggi era la seconda volta che ci andavo. Anche se le sue caratteristiche rispecchiano a pieno i miei gusti, purtroppo c’è da fare i conti con l’immondizia che popola il bosco attorno a questo torrentello.

La situazione me la ricordavo critica ma oggi era ancora più tragica: immondizia di ogni genere, scarichi delle fogne che finivano nel tratto iniziale del torrente. L’unica nota positiva è che non ho visto materiale lasciato dai pescatori (scatole di vermi, minuteria ecc), per il resto c’è da porsi molte domande su quello che la provincia sta facendo per la pesca in Trentino e c’è da aprire una piccola parentesi che approfondirò sicuramente più avanti. Negli ultimi anni c’è stato molto movimento per promuovere la pesca sul nostro territorio investendo molte risorse, ma ne vale veramente la pena? Chiariamoci, in Trentino è vero ci sono dei veri e propri paradisi per i pescatori, ma non sono di facile accesso alla gente locale quindi figurarsi ai turisti. Invece di istruire “guide”, fare spot promozionali di tutto rispetto, non sarebbe meglio investire prima in pulizia e tutela dell’ambiente? Sia chiaro, parlo di immondizia dell’uomo non di alberi, rovi o quant’altro. Il turista, anche se prende una guida non verrà mai portato in posti incontaminati per una serie di logiche ragioni. Verrà portato nei soliti corsi d’acqua dove l’accesso è facile e i pesci rispondono mediamente bene quasi sempre. Ma allora perchè non vedo movimento da parte delle autorità per rendere queste zone “belle”? Vedo solo volontari, ma questo non è giusto! Riprenderò l’argomento più avanti ora torniamo alle trote che a volte ritornano..

Passato il primo pezzo di torrente la situazione migliora notevolmente anche se la sporcizia attorno ancora si vede. Per quest’uscita ho scelto la mia amata Carson Skynny modificata che ben si presta a questa tipologia di corsi d’acqua. Non ci sono molte buche e quelle poche che ci sono hanno poca acqua, così ho utilizzato un Mepps n°1 per quasi tutta la battuta di pesca salendo al n°3 nelle buche più grandine. Le trote rispondevano alla grande e ne ho catturate 3 prima di arrivare alla buca.

Sì, alla buca. Alla fine della scorsa stagione, quando per la prima volta sono venuto a pescare in questo torrente, in quella buca ho catturato una splendida trota fario con colori straordinari e una testa incredibile. Una delle più belle che avessi mai catturato. Aveva un segno particolare appena dietro alla pinna pettorale e quando l’ho rilasciata, le ho detto che se in futuro l’avessi rincontrata, l’avrei sicuramente riconosciuta. Così è stato. Oggi è tornata a farmi visita. Dopo numerosi lanci ai lati della buca conditi da una bellissima trotina, ho fatto un bel respiro e lanciato il Mepps n°3 a ridosso della tana della regina, dopo due giri di manovella la Carson si è piegata a dovere. Era lei! Più cicciona dell’anno scorso e forse un pelo più lunga. Già in acqua ero sicuro al 98% di chi si trattasse e quando l’ho portata a guadino mi ha tolto quel 2% di dubbio. Che bello! Un’emozione incredibile. Rilasciare una trota nata e cresciuta in un’ambiente è stupendo. Catturarla nuovamente, un anno dopo, è quello che dà magia alla pesca.

Se mi chiedete perchè pesco probabilmente non vi darei una risposta immediata, ma forse il motivo è proprio questa magia. Una magia che al di là di tutto riesce comunque a strapparti un sorriso in qualsiasi stato emotivo tu sia.

..Rilasciate perchè a volte ritornano.. 😉

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *