St. Croix Trout Series

St. Croix Trout Series

Finalmente dopo tanti impegni sono riuscito a dedicare una mattinata alla prova della St. Croix Trout Series. Per la precisione la 7 piedi da 1/6 – 1/4 oz x-fast. Non una canna da ultralight vero, ma comunque sempre collocabile nell’ambito dello spinning leggero.
La location scelta è il torrente Noce in Val di Non nel tratto HZT. Un tratto fantastico reso ancora più bello dalla gestione che è stata adottata a partire dalla scorsa stagione, ovvero una zona trofeo, dove è consentita la trattenuta di un solo pesce superiore ai 50 cm ed è obbligatorio l’uso dell’amo singolo senza ardiglione.

Sveglia alle 8.00 (sì lo so che i pescatori si alzano alle 5 ma tanto è lunedì 🙂 ), convinco il fotografo a venire, un caffè veloce e si parte. Arrivati sul posto la situazione era prevedibile, zero pescatori! Tutti a lavorare o tutti impegnati a giustificare alle mogli le spese fatte alla fiera di Vicenza il giorno prima? Mistero 😀
Fatto sta che alla canna abbino un 2500 con il gorilla micro in bobina, bilanciatura perfetta, si monta il cucchiaino e si arriva sullo spot di pesca. Le condizioni non sono delle migliori, acqua parecchio velata, cielo coperto ma a sprazzi esce il sole quindi resto fiducioso.
Il rotante montato è da 7 gr quindi dovrebbe essere il massimo che è capace di gestire la canna. Faccio i primi due lanci blandi per vedere come risponde e si nota subito che è sottostimata rispetto al dichiarato, arriva a lanciare tranquillamente artificiali da 14-15 gr.
Sono così preso dall’azione della St. Croix che mi accorgo di aver fatto 50 metri scarsi di torrente in un’ora. Essendo il torrente abbastanza stretto con questa canna si riuscivano a fare delle passate con il cucchiaino spettacolari, anche se, con scarsi risultati.

Il sole non si decide a uscire e allora decido di montare una testina piombata da 1 grammo con innescato un vermone siliconico. Incredibilmente gestisce alla grande anche questo peso ridotto, si riesce a lanciare la testina a buona distanza e sentirla bene richiamandola con dei colpetti di cimino. Avendo fatto tutte le prove del caso, ora sono più concentrato sulla pesca che sulla canna, voglio sentire come reagisce con le trote!

Faccio lavorare la testina in corrente, radente al fondo, in trattenuta ma… niente. Di pesci neanche l’ombra. Decido allora di provarci con un minnow da 7 cm, un Real Winner che ha un ottimo movimento anche a recupero lento. Dopo pochi lanci faccio passare l’artificiale in trattenuta sotto un tronco sommerso, lo tengo fermo 2-3 secondi, lo richiamo con la punta della canna e proprio appena riparte esce una sventola di fario sui 60 cm. Sono pronto a ferrare ma sul più bello si ferma e torna in tana. Cambio colore dell’artificiale ma niente, eppure sono sicuro che non mi abbia visto. Provo a montare di nuovo la testina ma niente neanche con quella. Sono tuttavia felice di aver visto una trota così ma comunque sconfortato per non essere riuscito a farla attaccare.

Sono le 11.00 e decido di proseguire con il siliconico anche se è uscito il sole. Nell’ultimo tratto che mi accingo ad affrontare, l’acqua è lenta e profonda quindi sono fiducioso, qualcosa deve uscire. Lancio a monte, faccio scendere l’esca e recupero il filo in eccesso dando dei colpetti di cimino di tanto in tanto: un timido attacco susseguito da un altro ma niente di concreto. Ci riprovo e finalmente è la volta buona, sento la mangiata e ferro! La St. Croix risponde alla ferrata egregiamente, si piega il gusto, la trota prova ad andare in corrente e la Trout Series la asseconda piegandosi a dovere. Dopo un paio di salti spettacolari porto a guadino la trota che risulta essere un bellissimo ibrido di marmorata con una livrea fantastica, tipica della Val di Non, ancora magra ma in perfetta forma. Due foto veloci e riparte negli abissi del Noce, chissà cosa ci sarà di così bello attaccato al fondo! 😀

Ormai contento di aver testato a dovere la St. Croix trout series passo il poco tempo ancora a disposizione per fare esperimenti. Monto il pellican super pinky da 14 gr per 7 cm con la sicurezza che l’avrebbe lanciato senza problemi, ma senza aspettarmi minimamente che riuscisse a gestire in piena corrente questo peso. Il cimino rispondeva alle jerkate come un soldato, immobile ma flessibile se veniva richiamato. Fantastico. Una canna eccezionale, adatta alla pesca nei nostri torrenti.

CONSIDERAZIONI FINALI

Prima di acquistarla ho letto miliardi di recensioni positive su questa serie di canne, ma ero comunque un po’ scettico. E’ vero, è nata per lo spinning alla trota ma comunque pensata per il mercato americano, dove hanno ambienti differenti da quelli europei. Non posso esprimere giudizi sulle altre canne della serie, anche se ho sentito parlare molto bene di quella da ultralight e spero di provarla presto. Posso dire però, che la versione da 7 piedi è fenomenale in torrenti di media portata con l’uso di minnow e gomma, si presta un po’ meno all’uso dei rotanti secondo me ma probabilmente è una cosa soggettiva. 

Voi cosa ne pensate di questa serie di canne St.Croix? Lasciate qui sotto nei commenti le vostre opinioni o le vostre domande 😉

Immagini collegate:

4 pensieri riguardo “St. Croix Trout Series

  1. Ciao, io ho preso recentemente la trout series plus, sempre il modello da 7″, ho fatto solo un paio di uscite al momento, ma resto piuttosto perplesso, non so se perchè ero abituato ad usare una monopezzo, una daiwa zillion 701mlfs, ma anche se la canna con il pesce attaccato risponde alla grande anche in corrente, quello che mi lascia perplesso è la gestione delle esche, non le “sento”come con la Daiwa. Proverò ancora uqlche uscita , ma ho già l’idea di metterla in vendita, mi sembra un ottima canna , ma senza un anima.

    1. Ciao Manuel,
      sicuramente l’essere abituato ad una monopezzo influisce e non poco. La sua sensibilità non potrà mai averla una due pezzi. Diffida da chi dice il contrario 😀
      Anche l’azione delle due canne è diversa, la Trout Series 7″ è extrafast quindi ha un azione maggiormente di punta rispetto alla Daiwa in questione.
      Prova a farci ancora un paio di uscite e se proprio non ti piace, ma vuoi comunque restare su una due pezzi ti consiglio di prenderne una con un’azione più morbida.
      Tienimi aggiornato 😉

  2. Ciao Michele!ti ringrazio per questa recensione che mi sta convincendo ad acquistare questa canna!volevo sapere se possibile se questa 7″si adatta anche ai laghetti da trote e alle cave grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *